Castel Volturno, 6 Consiglieri di minoranza chiedono le dimissioni dell’Assessora Antonietta Carusone



Castel Volturno, 6 Consiglieri di minoranza chiedono le dimissioni dell’Assessora Antonietta Carusone. Di seguito la lettera

ALL’ ASSESSORA ANTONIETTA CARUSONE

(Con deleghe a: Manutenzione – Edilizia Scolastica – Edilizia Cimiteriale – Beni Comunali – Programmazione Territoriale – Ciclo Integrato delle Acque – Comunicazioni Istituzionali dell’Ente – Arredo Urbano – Beni Confiscati)

SEDE

Egregia Assessora,

qualche giorno fa per la nostra comunità c’è stato un momento di intenso dolore perché abbiamo celebrato il funerale del nostro amico Michele Mattei, prematuramente portato via dal cancro.

Al dolore della perdita si è aggiunto lo sconcerto e lo schifo per aver lasciato il feretro di Michele nella cappella cimiteriale le cui indecenti condizioni di igiene può facilmente constatare dalle foto.

SPORCIZIA INCROSTATA, VETRATE OPACIZZATE DALLA POLVERE, FESTONI DI RAGNATELE AI SOFFITTI E SULLE VETRATE ED UN TAPPETO DI ESCREMENTI DI PICCIONE SONO STATI IL “CERIMONIALE DI ACCOGLIENZA” PER MICHELE E PER CHI LO PIANGEVA.

In queste condizioni, purtroppo, non versa soltanto la cappella ma moltissime delle strutture del cimitero nuovo. Le ricordiamo che il cimitero nuovo – dopo anni di incuria ed abbandono – ha subito un profondo intervento di riqualificazione e completamento per cui ci fu l’inaugurazione alla presenza del Vescovo di Capua nel febbraio 2019.

Fu restituita quella dignità di sepoltura che i castellani ritengono sacra

La nuova amministrazione di cui lei – e dobbiamo dire, purtroppo – fa parte, al suo insediamento nel giugno 2019 aveva ereditato un gioiello appena terminato. 

Dobbiamo constatare che dopo soli 2 anni avete battuto ogni record quanto ad incuria, menefreghismo ed incapacità gestionale che hanno fatto ripiombare il cimitero nuovo di Castel Volturno nel novero dei “luoghi da incubo”.

Quella dignità che chi l’ha preceduta ha fatto guadagnare a questo luogo di dolore, GRAZIE A LEI È STATA DI NUOVO PERSA!

Ma anche nel cimitero cosiddetto “vecchio”, sito a poche centinaia di metri dalla casa comunale, le cose non vanno meglio: erbacce lungo i vialetti di cemento e ai bordi dei loculi e delle cappelle, fontane che perdono acqua scarichi intasati, i servizi igienici cimiteriali sporchi e disastrati indegni perfino di una baraccopoli africana. Questo è il risultato della sua opera di amministratore?

Lei è totalmente assente dal nostro territorio: non lo vive, non lo conosce, non le interessa, non lo ama. 

Anzi, non è inverosimile che lei viva con fastidio la sua frequentazione castellana altrimenti non ci spieghiamo come mai SE NE FREGHI ALTAMENTE DEI PROBLEMI CHE COME ASSESSORE DOVREBBE AFFRONTARE E RISOLVERE. 

DOVREBBE, APPUNTO!

E, invece, molti cittadini quando devono parlare con qualcuno dell’amministrazione per risolvere un problema nel cimitero (rientra tra le sue deleghe) o per ripianare qualche buca stradale (rientra tra le sue deleghe) oppure per una crepa nei bagni delle scuola (anche questo rientra tra le sue deleghe) non si rivolgono a lei perché NON SANNO LEI CHI SIA E NON RIESCONO A TROVARLA! 

Sistematicamente queste richieste dei cittadini vengono dirottate all’OMNIPRESENTE (gli va dato atto) ASSESSORE MARRANDINO che è costretto a coprire i vuoti lasciati DAI COLLEGHI ASSESSORI ASSENTI. 

E FORSE QUESTO È UNO DEI PRINCIPALI MOTIVI PER CUI IL GOVERNO DEL TERRITORIO STA ANDANDO A ROTOLI. 

Ma il vorace vicesindaco fa ovviamente buon viso a questo cattivo gioco perché gli è sicuramente congeniale in termini di consenso popolare (si rivolgono tutti a lui). 

Tuttavia, questo “gioco” lascia i cittadini castellani in balia dei tanti irrisolti problemi come quello degli immensi cumuli di spazzatura che giacciono lungo le strade castellane.

FORSE PROPRIO QUESTE “DISTRAZIONI” DELL’ASSESSORE ALL’AMBIENTE MARRANDINO – CHE NON SI CONCENTRA SOLTANTO SULLE SUE DELEGHE – SONO PAGATE CARE E AMARE DAL TERRITORIO.

Ma torniamo a lei, cara Assessora Carusone, e qui ci viene spontaneamente in mente un’altra domanda: se lei ha dimostrato la totale incapacità di gestire le materie che le sono state delegate, QUALI SONO STATE LE CARATTERISTICHE SALIENTI E LE CAPACITÀ IN BASE ALLE QUALI IL SINDACO LUIGI PETRELLA L’HA CERCATA TRA I CITTADINI DI SANTA MARIA CAPUA VETERE E NOMINATA ASSESSORA AL COMUNE DI CASTEL VOLTURNO?

Cosa avrà determinato la sua nomina?

Sicuramente avrà pesato il fatto che lei (in quota Lega) è la sorella del coordinatore provinciale casertano “Lega Giovani”, Renzo Carusone

Sicuramente avrà inciso pesantemente sulla sua nomina il coordinatore provinciale della “Lega Salvini Premier”, Salvatore Mastroianni, sammaritano come lei.

E così, pare che, la sua nomina sia servita soltanto a pagare debiti elettorali del Sindaco Petrella al partito di cui è espressione e a favorire qualche regolamento di rapporti all’interno della Lega casertana. 

MA E’ EVIDENTE CHE QUESTO DEBITO, IL SINDACO PETRELLA, LO STA FACENDO PAGARE A TUTTI I CITTADINI CASTELLANI!

Assessora Carusone, dobbiamo dire, però, che la sua evanescenza finisce magicamente ad ogni fine mese. 

È soltanto in questo momento che si concretizzano gli effetti della sua esistenza: quando incassa il bonifico mensile dell’indennità di carica di quasi 1.100 euro, sottraendo – a questo punto dobbiamo dirlo –  ai castellani risorse finanziare che potrebbero sicuramente trovare migliore impiego a favore dei cittadini.

Assessora Carusone, faccia realmente un gesto concreto in favore dei castellani e del nostro territorio: SI DIMETTA.

Torni a brillare nelle sale da ballo della sua città, sicuramente la apprezzeremo tutti di più: Castellani e Sammaritani”.

I consiglieri comunali 

PEPPE SCIALLA

DARIO NAPOLETANO

VINCENZO RICCARDO

ROSA RAIMONDO

CONCETTA ANASTASIA PETRELLA

NICOLA OLIVA