L’Irtet Casapulla resiste finché può ai Cedri. Viera e Johnson trascinano la capolista nel derby.

New Energy Bk Cedri S. Nicola la Strada – Irtet Bk Casapulla 90-62

NEW ENERGY S. NICOLA LA STRADA 

Pignalosa 2, Riccio, Di Martino, Viera 26, Marini 9, Garofalo 13, Donaddio 4, Mihalich 14, Erra 5, Zamo 1, Russo, Johnson 16. All. Falcombello

IRTET CASAPULLA

Di Lorenzo 5, Guastaferro 21, Olivetti 8, Del Vaglio 4, Tartaro, Delli Paoli, Coda, Damiano 10, Nacca 5, Avella  4, Lillo ne, D’Aiello 5. All. Monteforte
ARBITRI: D’Aiello e Ricci di Caserta. 

PARZIALI: 21-14, 39-30, 61-46. 
L’Irtet Casapulla lotta finché può, ma viene travolta negli ultimi 15 minuti dai Cedri S. Nicola la Strada, che si aggiudicano 90-62 il derby di Terra di Lavoro.

Contro la capolista i gialloviola partono meglio, sfidati al tiro dai biancoblu. Le triple di Guastaferro e Di Lorenzo valgono i primi vantaggi, mentre il piano-gara della truppa di coach Falcombello è chiaro: palla nel pitturato ai lunghi, con Viera e Linton Johnson che muovono lo score a cronometro fermo. Gli aiuto e recupero dei sannicolesi iniziano ben presto ad imbrigliare le trame offensive ospiti, che in difesa se collassano in vernice per arginare le torri della New Energy, ma lasciano prevedibilmente sguarnito il perimetro. Così una bomba dellex di turno Garofalo e due di Mihalich puniscono i ritardi dei viaggianti e ribaltano linerzia del match (12-8 al 5). Johnson è un totem su ambo i lati del campo, ma il Casapulla esce benissimo dal timeout e con Guastaferro ed un tracciante di Olivetti impatta a quota 14 a -243. Lex JuveCaserta Johnson è però incontenibile ed allunga a 6 in fila la striscia di punti, inclusa una slam dunk, contribuendo assieme al canestro pesante di Marini a fil di sirena al primo allungo Cedri (21-14 al 10). L’Irtet non ci sta e alza i giri nella propria metà campo: dai recuperi nascono i contropiede di Olivetti e Damiano che mettono nuovamente un possesso tra i due team (21-18). Entrambe le compagini giocano tanto a difesa schierata ed il pressing della New Energy crea intoppi ai casapullesi. Viera e Johnson prendono in mano le redini dellincontro ed una tripla di Erra vale il primo vantaggio interno in doppia cifra (34-23 al 17). I tanti cambi da ambo le parti rallentano i ritmi Guastaferro e Di Lorenzo limitano i danni, ma di nuovo Marini dai 6,75 punisce le disattenzioni dei gialloviola, che al riposo lungo inseguono 39-30. 

Nacca prova a spaiare le carte dallarco quando si ricomincia a sudare e con Guastaferro (21 per lui) riporta i suoi a -5. Ma è la retroguardia di Monteforte che concede molto meno, più attenta a rimbalzo e dinamica negli aiuti. Viera canta e porta la croce in casa biancoblu, ma il Casapulla reagisce alla grande e spinto da Guastaferro, dallottima difesa di Avella e da un concreto Damiano (da 3 punti) risale fino al 46-44, a -442. La luce del team di stanza sullAppia però si spegne lì; Viera prosegue il suo show, Garofalo trova di nuovo il bersaglio da lontano e Mihalich dà il colpo di grazia ai casapullesi. Che, in debito di ossigeno, trovano giusto un paio di liberi di Damiano (a quota 10) e litigano con i ferri scivolando fino al 61-46 del 30, con un break al passivo di 2-15! Garofalo e Johnson vogliono chiudere subito i conti, DAiello e Olivetti da un lato e Garofalo e Marini dallaltro danno vita ad uno shootout dalla lunga. Ci pensa lo scatenato Viera a mettere in ghiaccio la contesa con 9 dei suoi 26 punti. Nel finale spazio a tutti gli under, con Del Vaglio che si fa notare, anche se il divario cresce fino allimmeritato -28 della sirena conclusiva

LASCIA UN COMMENTO