Caserta, Via San Nicola: l’ennesima strada incompiuta e dimenticata

Caserta. Fino al mese di giugno c.a., via San Nicola si presentava con una parte di muro di contenimento franato (precedentemente transennato da svariati anni) e con i pali della pubblica illuminazione pericolanti. Nonostante ciò l’illuminazione pubblica esisteva e rappresentava una “piccola” sicurezza stradale per i residenti, i ciclisti e gli automobilisti.

Dopo i lavori di ripristino e di contenimento, una parte di via San Nicola si presenta più “sgarrupata” e più pericolosa di prima.

Dalle foto in calce si evince come si presenta la parte interessata al ripristino: l’ asfalto posato nel mese di luglio, dopo il primo acquazzone estivo, quello della seconda settimana di agosto, nello specifico, è diventato una vera e propria trappola per i ciclisti e per gli automobilisti.
Il comune è corso ai ripari spargendo materiale sabbioso per otturare le voragini che si erano create.

Oggi la strada si presenta ancora con protezioni davanti al solo guardrail, installato davanti al muro di contenimento e prima delle caditoie per la raccolta delle acque piovane che nel frattempo, dopo l’acquazzone estivo, si sono mosse e scostate dal muro di contenimento.
L’eterna strada incompiuta all’incrocio presenta spezzoni di ferro e tubi corrugati che fuoriescono dalla strada (i paletti di ferro avrebbero avuto il compito di proteggere i tubi corrugati e un tombino?) e la mancanza totale dell’illuminazione pubblica che crea non pochi problemi ai pedoni, e agli automobilisti che oltre a scansare i fossi, possono incorrere a scontrarsi con ferri e tubi. La domanda viene spontanea, dove sono le norme di sicurezza? Perché i residenti, dopo già il maltorto del senso unico di viale Lincoln secondo tratto, devono continuare affrontare la dura e reale quotidianità in un quartiere che sembra dimenticato da tutti?

Di seguito le foto: