Duomo di Caserta, l’intervento del Vescovo Lagnese alla tradizionale Santa Messa dei giornalisti

di Angela Cuccaro

“Con dolcezza e rispetto” così ha esordito nel suo intervento Sua Eccellenza Pietro Lagnese, da pochi giorni a capo della Chiesa di Caserta.

L’ occasione la tradizionale Santa Messa dei giornalisti, nella giornata dedicata al Patrono S. Francesco di Sales, sabato 23 gennaio, per la prima volta nel Duomo di Caserta e non nella Cappella interna.

Un ricordo toccante e commosso per il predecessore, il Vescovo D’Alise.
Durante il suo discorso, Sua Ecc.Lagnese ha invitato i comunicatori dell’informazione ad andare sempre alla ricerca della verità dei fatti,a rifuggire sempre la superficialità per dare le corrette notizie “con dolcezza e rispetto”.

Parole coinvolgenti che il Vescovo ha donato ai presenti, infondendo forza e coraggio nella missione, senza tralasciare la doverosa autocritica quotidiana che ciascuno è chiamato a fare per svolgere al meglio qualsiasi compito, compreso quello di guida e pastore della Chiesa.

Durante la celebrazione, come sempre presente il presidente dell’ Odg Ottavio Lucarelli, è stato premiato, come storica prassi, un decano dei giornalisti casertani, Alberto Zaza, presentato da Mimmo de Simone con i suoi numerosi impegni civili e sociali.

Nell’incontro successivo alla cerimonia, presso la Biblioteca Vescovile, lo storico spazio culturale sede del Premio Buone Notizie, Civitas Casertana, coordinato da Luigi Ferraiuolo, che per l ‘occasione ha ricordato come, nonostante la mancata possibilità di svolgere la manifestazione giunta al 16esimo anno, sono stati conclusi i lavori per designare i vincitori appena si potrà, Sua Eccellenza si è mostrato aperto e disponibile ad intrattenersi per rispondere alle domande dei presenti.

In particolare ha espresso sensibilità ai temi dei giovani, della cultura e dell’ambiente, ricordando l’impegno e l’attenzione verso tali questioni, incoraggiando, con le sue parole speranze e partecipazione.