Caserta, Cgil, Cisl e Uil uniti per lo sciopero generale delle costruzioni

Policlinico, tav, interporto i tre grandi temi casertani per lo sciopero generale delle costruzioni.

Il prossimo 15 marzo si terrà il primo sciopero generale unitario del settore delle costruzioni da venti anni a questa parte. Cgil, Cisl e Uil uniti insieme per dare un segnale forte al governo: se ripartono i cantieri riparte il paese.

“Occorre una seria politica industriale in grado di rilanciare l’intera filiera delle costruzioni: dall’edilizia alle opere pubbliche, dal settore del legno e arredo al cemento” dichiara Irene Velotti, Segretaria Generale della Fillea Cgil “Il prossimo 15 marzo si fermeranno cantieri, cave, fabbriche e cementerie. Anche della Provincia di Caserta, i lavoratori saranno in piazza a Roma a sostegno delle proposte concrete e fattibili avanzate dai sindacati confederali”

“Per Caserta lo sciopero assume particolare rilevanza – aggiunge Velotti – Siamo una provincia industrialmente desertificata. Una delle ultime speranze per l’economia e l’occupazione è l’edilizia. Dobbiamo ripartire dai tre grandi temi che interessano il territorio: policlinico, cantiere tav, interporto. Tre dossier caratterizzati da immobilismo politico, mancanza di visione di lungo periodo e dalla piaga del lavoro nero”.
La Fillea Cgil presenterà le proposte e le denunce del sindacato su questi temi nel corso di una Conferenza Stampa il prossimo martedì 12 marzo alle ore 12.00 presso la Cgil di Caserta, Via Verdi 7/21

LASCIA UN COMMENTO